Monica Livoni Larco

Lo spettacolo sarà rappresentato al Lingotto martedì 23/10 alle 14,30 (ingresso gratuito).
L’orario è un po’ particolare ma se conoscete qualcuno che può esserci grazie per farglielo sapere.

Il 25/10 ore 21.00 portiamo lo spettaco ad Alba – Cinema Moretta – Corso Langhe 104
se avete degli amici o conoscenti ad Alba fatemelo sapere così vi invio la locandina giusta da inoltrare

Invece per gli appuntamenti con “Donne di sabbia” a novembre:
22/11 ore 21.00 Settimo Torinese – Teatro Garybaldi
23 /11 ore 21.00 Torino – Cascina Roccafranca
24/11 ore 18.00 Genova – Sala Chierici – Biblioteca Berio – Via del seminario 16
25/11 ore 21.00 Cinema Teatro Vittoria

Per queste date vi invierò maggiori dettagli.
Cari saluti e grazie
Monica Livoni Larco

Altra informazione sul femminicidio di Ciudad Juarez e sul gruppo Donne di Sabbia

Dal 1993 a Ciudad Juárez, città di frontiera tra Messico e Stati Uniti, oltre 470 donne, adolescenti e bambine sono state assassinate secondo lo stesso rituale: rapimento, tortura, sevizie sessuali, mutilazioni, strangolamento. Inoltre, sono più di 600 i casi di donne scomparse e non ritrovate a Ciudad Juarez e nella regione di Chihuahua. Noto come “femminicidio” questo fenomeno è diventato la più vergognosa violazione dei diritti umani nella storia del Messico degli ultimi anni.
Il clima di impunità continua a crescere senza che al momento siano state compiute azioni concrete per mettere fine a questa situazione e mentre le autorità messicane occultano la gravità dei fatti, nuovi corpi straziati di donne vengono ritrovati ad un ritmo crescente. Nell’occhio del ciclone per la sua negligenza ed incompetenza, la polizia messicana ha cercato di placare le proteste dell’opinione pubblica trovando dei capri espiatori, persone che hanno confessato la loro colpevolezza sotto tortura.
Non solo la polizia non è riuscita a fermare il “femminicidio”, ma si è anche resa colpevole di questi gravi abusi.
Donne di Sabbia è uno spettacolo/testimonianza/denuncia sulle donne di Ciudad Juarez (Messico, confine con gli Stati Uniti) nato e realizzato con lo scopo di divulgare a più persone possibili la terribile realtà del femminicidio in questa zona di frontiera.
L’opera, creata dal drammaturgo e regista teatrale Humberto Robles, viene redatta in lingua spagnola e presentata inizialmente in Messico, in Cile ed in Argentina. Il testo nasce da una raccolta di testimonianze dirette di parenti delle vittime, di verità strazianti, che vengono riprodotte sul palco attraverso un’alternanza di voci, di denunce, di sofferenze. Lo spettacolo in seguito viene presentato anche in Italia, a Torino, diventando un modo concreto per sensibilizzare il pubblico verso un fenomeno poco conosciuto, il cui nemico peggiore è il silenzio.
Il gruppo teatrale, insieme all’associazione Nuestras hijas de Regreso a casa, si fa portavoce di una lotta contro l’impunità dei responsabili e l’omertà,
fenomeni incontrastati che prevalgono a Ciudad Juarez, ma che si stanno estendendo pericolosamente ad altre città del Messico,
a 14 anni dall’inizio di un processo sistematico di violazione dei diritti umani delle donne: “Vogliamo dare eco a quelle voci fatte tacere con il silenzio, con la forza”.
Per informazione sullo spettacolo “Donne di Sabbia”, contattare Monica Livoni Larco: e-mail: mll2000itza@libero.it
Il gruppo teatrale non percepisce alcun guadagno, ma offre il proprio spettacolo con la sola intenzione di diffondere al maggior numero di persone il terribile fenomeno del femminicidio, che ancora oggi continua in Messico. Rappresentare lo spettacolo senza fini di lucro è un imperativo morale che le attrici si sono imposte: ogni eventuale guadagno verrà devoluto all’associazione “Nuestras hijas de Regreso a casa”, organizzazione messicana dei parenti delle vittime.

PER SAPERE DI PIÙ: http://www.mujeresdejuarez.org

Troverai altra Informazione in italiano: http://www.mujeresdejuarez.org/listresolucit.htm

PER FIRMARE LA PETIZIONE ON LINE: http://www.petitiononline.com/NiUnaMas/petition-sign.html

PER SCRIVERE LETTERE DI SOLIDARIETÀ e condoglianza alle madri delle giovani donne: nuestras_hijas@yahoo.com.mx

PER CONTRIBUTI DI SOLIDARIETÀ: C.C. n. 48290 – Banco Nacional de Mexico
Sucursal n. 4492 – Codice bancario 002164 4492 0048 2907
(codice swift: BNMXMXMM) intestato a “Nuestras Hijas de Regreso a Casa, A.C.”

“Ringraziamo chi ci accompagna in questa lotta come le Donne di Sabbia con il loro spettacolo, che è stato di grande aiuto per diffondere il femminicidio, e ringraziamo anche voi che vi siete interessati a conoscere questo problema, grazie per aprire i vostri cuori e le vostre menti ad una tragedia lunga 14 anni, in cui ognuna delle madri a cui hanno strappato una figlia porta con sé il peso del dolore e della disperazione ma che nonostante ciò, continuano a lottare perchè neanche una sola madre in più soffra l’intenso dolore di vedere la propria figlia uccisa selvaggiamente”

Marisela Ortiz
Presidentessa dell’Associazione Nuestras Hijas de regreso a casa

 

Categorizzato in: