at - SCIENZA 
 E ARTE NEL CONVENTO DI TRINITA' DEI MONTI
Sabato 7 giugno 2014

Trinità dei Monti è un luogo di eccezionale interesse storico e artistico, frutto di una precisa scelta dei Re di Francia. Nel XVII secolo il Convento, retto dai padri Minimi di S. Francesco di Paola, divenne il centro di eccellenza delle discipline scientifiche come l’ottica, la fisica, la matematica, la botanica e la farmacopea. I padri Maignan e Niceron, matematici e fisici, eseguirono delle impressionanti anamorfosi, forme di metafora spirituale che invitano il cristiano a ricercare sempre l’ordine divino dietro la confusione delle apparenze. All’interno del Convento è conservata anche una delle due meridiane catottriche di Roma, testimonianza delle profonde conoscenze astronomiche dei Padri Minimi. Nel 1694 Andrea Pozzo dipinse in tromp-oeil un’architettura virtuale nel refettorio dei Minimi, e sulla scia di questo “gioco” fra realtà e finzione nel 1767 venne dipinta dal Clerissau la “ Stanza delle rovine”, che rappresenta un eremo situato fra le rovine di un tempio (N.B. Quest’ultima potrebbe non essere visitabile, nell’occasione). Il fascino delle rovine ricorda all’essere umano la caducità delle sue opere e riassume lo spirito di un Convento immerso nel cuore di una città “eterna” quale è Roma.

Appuntamento ore 10.30 davanti all’Obelisco di Trinità dei Monti, in cima alla scalinata di Piazza di Spagna
Durata visita: 2 ore circa
€ 5,00 richiesti a persona per l’ingresso al Convento
Costo per la Guida: € 10,00 Soci e non Soci di “Amici del Tevere”

PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com;
fax 0632650283; tel. 063202087 – 0632500420; cell. 3395852777 – 3397448084

 

Categorizzato in: